Piazza San Marco

Il cuore di Venezia è Piazza San Marco, una della piazze più famose del mondo, scenario di un'infinità di fotografie per la sua imponenza, per la sua gloriosa storia e per i capolavori artistici che vi sorgono, a cominciare ovviamente dalla Basilica che le ha dato il nome.

Della monumentale Basilica di San Marco abbiamo già parlato (seppure ricordando solo una parte dei suoi tesori) e dalla Piazza possiamo ammirarla in tutto il suo splendore, con alle spalle il Campanile che domina la città. Il Campanile, uno dei più alti d'Italia sfiorando l'altezza di 100 metri, risale al IX secolo, seppure nel corso della storia la torre di Venezia ha subito diversi interventi di restauro, oltre ad un rifacimento totale dovuto ad un rovinoso crollo che nel 1902 ha raso al suolo uno dei simboli della città.

Il Campanile è, infatti, da secoli il punto di riferimento dei veneziani che ne hanno udito le campane suonare nei momenti culminanti della vita cittadina ed in quelli gloriosi hanno levato gli occhi al cielo ammirandone i leoni e le figure della Giustizia, i simboli della città impressi sulle sue facce, alzando poi lo sguardo verso la splendida statua dell'Arcangelo Gabriele che svetta sulla sua cima.

Parlando dei simboli di Venezia lo sguardo cade sulla Torre dell'Orologio eretta alla fine del Quattrocento che vede come protagonista il celeberrimo orologio con il quadrante di colore blu intenso e d'oro, tinte che fanno da sfondo anche alla statua raffigurante il leone veneziano, sopra al quale troviamo la terrazza dei Mori, con le statue di due pastori intenti a suonare la campana.

 

 

Dove